Donne ed inserimento nel mondo del lavoro

In Italia, le norme fondamentali per l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro sono contenute nel:

  • Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198)
  • Legge Golfo-Mosca (Legge 12 luglio 2011, n. 120)
  • Direttiva 2006/54/CE sulla parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e di condizioni di lavoro

Il Codice delle pari opportunità, in particolare, sancisce il principio della parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro, sia in termini di accesso che di condizioni di lavoro. Questo principio si applica a tutti i settori e a tutte le attività lavorative, sia pubbliche che private.

La Legge Golfo-Mosca, invece, introduce l’obbligo di una rappresentanza femminile minima nei Consigli di Amministrazione delle aziende quotate in Borsa, comprese quelle a partecipazione pubblica. La quota minima è fissata al 30%, con un aumento progressivo fino al 40% entro il 2024.

La Direttiva 2006/54/CE, infine, è un atto normativo dell’Unione Europea che ha lo scopo di garantire la parità di trattamento tra uomini e donne nel lavoro. La direttiva si applica a tutti gli Stati membri dell’UE e impone agli Stati l’adozione di misure per garantire la parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, indipendentemente dal fatto che la discriminazione sia basata sul sesso, sul matrimonio o sulla maternità.

Norme fondamentali sulla parità salariale

In Italia, le norme fondamentali sulla parità salariale sono contenute nel:

  • Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198)
  • Direttiva 2006/54/CE sulla parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e di condizioni di lavoro

Il Codice delle pari opportunità, in particolare, sancisce il principio della parità di retribuzione tra lavoratori e lavoratrici per la stessa mansione o per mansioni equivalenti. Questo principio si applica a tutti i lavoratori e lavoratrici, indipendentemente dal settore, dalla qualifica o dall’anzianità di servizio.

La Direttiva 2006/54/CE, invece, impone agli Stati membri dell’UE l’adozione di misure per garantire la parità di retribuzione tra uomini e donne per la stessa mansione o per mansioni equivalenti. La direttiva definisce la parità di retribuzione come la situazione in cui uomini e donne ricevono lo stesso salario per lo stesso lavoro, a prescindere da qualsiasi discriminazione fondata sul sesso.

Conclusioni

Le norme fondamentali per l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro e sulla parità salariale rappresentano un importante passo avanti verso la promozione dell’uguaglianza di genere nel lavoro. Tuttavia, è necessario continuare a lavorare per garantire che queste norme siano effettivamente applicate e che le donne abbiano le stesse opportunità di lavoro degli uomini.

Alcuni dei principali ostacoli all’inserimento delle donne nel mondo del lavoro sono:

  • La discriminazione di genere, che si manifesta in varie forme, come la preferenza per i candidati maschi, le discriminazioni salariali e le molestie sessuali sul posto di lavoro.
  • La conciliazione tra lavoro e famiglia, che è ancora un problema soprattutto per le donne, che spesso si trovano a dover conciliare le esigenze lavorative con quelle familiari, come la cura dei figli o dei familiari anziani.
  • La mancanza di formazione e di competenze, che può limitare le opportunità di lavoro delle donne, soprattutto in settori ad alta qualificazione.

Per superare questi ostacoli è necessario adottare misure a livello legislativo, sociale ed economico. A livello legislativo, è necessario rafforzare le norme contro la discriminazione di genere e garantire la parità salariale. A livello sociale, è necessario promuovere la cultura dell’uguaglianza di genere e sensibilizzare il pubblico su questo tema. A livello economico, è necessario investire nella formazione e nella qualificazione delle donne, in modo da renderle più competitive sul mercato del lavoro.

Torna in alto